Categorie
Dal settore Punto di vista

È necessario fare taratura e manutenzione delle macchine per il controllo qualità?

Che la manutenzione programmata e regolare di una macchina utensile sia necessaria, penso siano d’accordo praticamente tutti. Un fermo a causa di un guasto improvviso porterebbe al rallentamento della produzione con tutto ciò che ne consegue (e le ripercussioni spesso possono essere anche pesanti)
Ma cosa dire della taratura e manutenzione delle macchine per il controllo qualità? Andrebbe fatta? E se sì, con che frequenza?

Facciamo un passo indietro. In un post di parecchio tempo fa scrivevo:

Nel momento in cui immettiamo un prodotto sul mercato, siamo responsabili degli eventuali danni che possiamo arrecare nel caso di non conformità. […] Inoltre il danno in questione non deve mai essere considerato proporzionato al valore del bene venduto. Non vale infatti la regola, come purtroppo sostengono alcuni colleghi, che a fronte di danni provocati da un prodotto difettoso venduto a pochi euro non si possano chiedere risarcimenti milionari”.

Ribadisco questo concetto perché

è abbastanza comune anche avere a che fare con realtà che hanno macchine per il controllo qualità di ultima generazione, ma che trascurano la manutenzione periodica.

Ciò che molte imprese fanno – non mi riferisco solo ad aziende di piccola dimensione, ma anche a realtà strutturate – è misurare il pezzo in questione e poi, semplicemente, prendere per buono il risultato che la macchina di misura elabora. Ma se tale macchinario non fosse più tarato correttamente? Oppure se alcune funzionalità fossero state compromesse a causa di urti accidentali o disallineamenti?
Semplicemente il risultato non sarebbe più attendibile.

È vero e comprovato che le macchine di misura appartengono a una tipologia di strumenti molto particolare e che per questo vengono trattate con cura e attenzione; così com’è vero anche che, per loro natura, non sono così soggette a usura come le macchine utensili. Vien da sé, pertanto, che sia piuttosto comune la tendenza a credere che i primi malfunzionamenti si verifichino solo dopo diversi anni.

Resta comunque il fatto che le strumentazioni per il controllo qualità sono l’ultima occasione che abbiamo per avere la sicurezza che il prodotto che stiamo consegnando sia conforme al 100%, e che, in caso di contestazioni, più documentazione abbiamo a conferma del fatto che abbiamo eseguito bene e coscientemente il nostro lavoro e meglio è. E con “documentazione” includo anche le certificazioni che attestino che sia stata effettuata una manutenzione periodica sulle macchine in questione per mano di tecnici specializzati.

È un costo? Sì, ma credo sia importante metterlo a budget perché controlli di qualità ben eseguiti e documentati sono, oltre che una garanzia per i nostri clienti, anche un’ancora di salvezza per noi produttori in caso di contestazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *